Fu un pioniere del trasporto su rotaia. Egli ideò e costruì la prima tramvia a vapore nella nostra provincia: la linea Sale - Alessandria - Casale, inaugurata il 1° agosto 1880.

Nell'aprile dell'anno 1879, unitamente al suo socio Ercole Belloli, aveva inoltrato una rispettosa lettera all'Ill.mo Signor Sindaco di Sale, nella quale dettagliatamente indicava i termini della convenzione per ottenere il permesso di costruzione di una linea di traways che collegasse Alessandria a Sale e Pontecurone, passando da Spinetta, Castelceriolo, Lobbi, Piovera, Alluvioni Cambiò, Sale, Guazzora, Isola S. Antonio, Castelnuovo Scrivia, Alzano e Molino de' Torti. Il sindaco di Sale si rivolse a quello di Alessandria, che convocò i sindaci dei comuni interessati: l'8 maggio 1879, i sindaci deliberarono l'approvazione del progetto, con la sola variazione del capolinea: non più Pontecurone, ma Voghera, per meglio servire gli interessi della zona. A quei tempi di galantuomini non c'era troppa burocrazia, così, detto fatto, iniziarono i lavori per la prima tratta: Sale - Alessandria, alla quale fece ben presto seguito quella Alessandria - Casale. Si decise di inaugurare la linea il 1 agosto 1880: Alessandria e i paesi toccati dal tramway si prepararono a rendere degno omaggio a questo innovativo mezzo di trasporto. Tra discorsi di autorità, banchetti, brindisi, musiche, bandiere, il tramway fece il suo viaggio inaugurale, creando anche scompiglio fra la gente stupita, anche se "le locomotive a vapore Kraus erano eleganti, silenziose e mansuete nel fermarsi". Bellisomi, però, non si accontentava: decise, infatti, di costruire un'altra linea: la Sale - Tortona, la prima del Tortonese. Essa fu inaugurata il 14 febbraio 1882 e si raccordava con la precedente Sale - Alessandria. A Sale era stata costruita la stazione ferroviaria con annesso deposito di tramways. Ma Domenico Bellisomi era dotato di spirito avventuroso, per cui cedette la gestione delle due linee ferroviarie e si dedicò ad altri impegni: prese parte alle lotte politiche e amministrative di Sale, fu presidente della Società Operaia di Mutuo Soccorso, però il carattere irruente lo portò ad avere discussioni con altri membri della società, per cui si crearono attriti che perdurarono nel tempo.

Dopo la morte di Bellisomi, le tramvie ebbero alterni periodi di fortuna: la linea Sale - Alessandria fu smantellata nel 1933 e l'ultima locomotiva continuò la sua attività collegando lo zuccherificio di Spinetta Marengo alla stazione di Spinetta fino agli anni '50.

Sale ha dedicato a Bellisomi un'importante via di passaggio.