Un uomo senza ideali non è un uomo;
un ragazzo senza interessi non avrà ideali

Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un'arma contro la rassegnazione, la paura e l'omertà. All'esistenza di orrendi palazzi sorti all'improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con pronta facilità, si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima, ed ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l'abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore.

PEPPINO IMPASTATO (1948 – 1978), ucciso dalla mafia (a lui è dedicato il film I CENTO PASSI)

Questo progetto, nato dalla collaborazione dell’A.I.C. con l’Associazione Paolo Perduca e con le scuole salesi, comincia da ciò che è bello e che unisce musica e arte CON e PER i giovani, a un tempo attori e destinatari dell’iniziativa. Il territorio è quello del comune di Sale, dove si registra una forte immigrazione di varie etnie che devono cominciare fin dall’età scolare ad integrarsi.
Prevede il contatto, la collaborazione, l’interazione e l’integrazione sia fra giovani, sia con adulti al di fuori della scuola, accomunati dalla volontà di aiutarsi reciprocamente e di promuovere la vita culturale del paese. Diventa momento di apprendimenti, ma, soprattutto, di scambio di abilità e di esperienze in un clima di sereno confronto, dialogo e crescita. Si è voluto diversificarlo in due segmenti, perché si ritiene che possano essere coinvolti più ragazzi, potendo ciascuno assecondare i propri interessi e le proprie curiosità.


Il bello nella musica: prevede un periodo di nove mesi, a partire da settembre 2012, con un insegnante particolarmente preparato sia dal punto di vista didattico che umano a disposizione nell’Istituto comprensivo, due volte la settimana, per promuovere la cultura dell’unico linguaggio che accomuna tutti i giovani superando le barriere poste dalle differenze di lingua, religione, stato sociale…: la musica. In queste ore sarà affiancato da volontari delle associazioni proponenti. Sono previsti due saggi: uno a Natale e uno di fine anno.

Il bello nell’arte: i giovani, ai quali è stato presentato il progetto lo scorso 30 maggio, aiutati dai  volontari, provvederanno a compilare un censimento delle molte immagini religiose dipinte sui muri delle case salesi, facenti parte di un’antica devozione, per una catalogazione arricchita da documentazione fotografica delle varie opere in vista di futuri restauri. Si vuole inoltre predisporre un elenco completo, da consegnare alle autorità competenti, affinché vogliano tutelare queste pitture così caratteristiche dal degrado e dalla distruzione. Le fotografie con le rispettive schede saranno raccolte in un CD.

Il progetto sarà realizzato con il contributo del Fondo Speciale per il Volontariato in Piemonte – Centro Servizi per il volontariato della provincia di Alessandria

logocsva2