Home > Tips > Sips: un comando semplice semplice

Sips: un comando semplice semplice

25 Giugno 2009

Non sono mai stato un maniaco delle anteprime nei sistemi operativi, tant’è che in ambiente windows ho sempre configurato explorer.exe (Esplora Risorse, tanto per intenderci) al minimo dello sforzo, massimo della velocità (cioè Visualizza-Dettagli di default).

Tuttavia da quando nella mia piccola LAN hanno iniziato a coesistere vari sistemi operativi (XP/OSX Tiger e Leopard/Ubuntu), le immagini “di famiglia” sono finite su un disco esterno (formattato ahimé FAT32, unica possibilità per garantire lettura e scrittura ai suddetti s.o.).

Maniaco come sono, ovviamente consultando le immagini mi diletto a cancellare il files Thumbs.db quando guardo con Apple e a cancellare .Ds_Store e .<nomeimmagine> quando vedo con Windows.

Morale della favola, per la mia mania delle pulizie, mi trovo sempre a non avere più le miniature delle immagini le poche volte che lo voglio fare con Finder ma soprattutto con Path Finder, un Finder molto evoluto che potete acquistare per poche decine di dollari da Cocoatech.

sips1

E quindi ?

Semplice: apro il cruscotto inferiore di Path Finder (o se non ho Path Finder apro il terminale e mi porto nella cartella in questione) e digito:
sips -i *.JPG
che potrebbe anche essere in alcuni casi
sips -i *.jpg (ricordiamo che Unix è case sensitive…)
Magia: si sono rigenerate le miniature dei peschi.
SIPS, grazie.

sips2

Categorie:Tips Tag:
I commenti sono chiusi.